Archive for the 'Politica' Category

31
Mar
09

L’effetto serra non esiste!!

Finalmente! Oggi possiamo essere un po’ piu’ contenti e fiduciosi nel futuro. Abbiamo infatti appena ricevuto comunicazione dal neonato Pdl che l’effetto serra non esiste, e che anche se esistesse avrebbe effetti benefici piuttosto che dannosi.

E finalmente un altro falso mito e’ stato smantellato. Alla stregua dell’altro mito metropolitano che vorrebbe il profilattico come strumento utile a limitare la diffusione delle malattie veneree. Tutte baggianate!!!

Che popolo fortunato che siamo noi Italiani ad avere tali paladini della verita’ nel nostro paese. Ma vi rendete conto? In un mondo pieno di menagrami che continuano a spargere pessimismo attraverso la diffusione di false notizie, noi, e solo noi, abbiamo questi “fari” nelle tenebre che ci illuminano e ci guidano verso un futuro di prosperita’ e felicita’!!!

Auguri vivissimi

15
Dic
08

Crisi finanziaria o modello in crisi?

Ormai da diverse settimane siamo continuamente aggiornati da giornali e televisione in merito alla crisi, prima finanziaria ed ora economica scatenata dallo scoppio dei subprime. Si continua a discutere di quali saranno gli impatti sull’economia reale di questa crisi, quanto durera’, se siamo in recessione o meno, quali provvedimenti i governi debbano prendere per risollevare le sorti dell’economia mondiale e cosi’ via.

Certamente tutte cose estremamente importanti ma quello che mi lascia perplesso e’ il fatto che non si parli (o almeno se ne parli pochissimo) di come riformare (rivoluzionare?) il sistema socio-economico che ci ha portati a questo. Cosi’ come il crollo del muro di Berlino porto’ al crollo del modello comunista, in maniera analoga, il crollo di Wall Street dovrebbe portare al crollo del modello capitalista; o almeno all’attuale modello.

Perche’ questo non avviene?

Il motivo temo sia da ricercarsi nella mancanza di un modello alternativo e, in parte, nella deduzione (sbagliata a mio avviso) che con la sconfitta del comunismo si decretasse, automaticamente, la vittoria del modello capitalista.

Per decenni siamo rimasti cristallizzati nella contrapposizione capitalismo-comunismo come se questi due fossero gli unici modelli possibili e non si e’ provato ad immaginare o almeno ad implementare una qualsivoglia possibile alternativa. Adesso ci ritroviamo nella situazione in cui: ognuno e’ convinto che il comunismo ha storicamente fallito e quindi non sia un modello riproponibile, ma anche il capitalismo e’ adesso in crisi e non sta rispondendo a tutte le esigenze di una crescente umanita’ pero’ non abbiamo in mano nessuna alternativa disponibile. Siamo su un treno che sta correndo verso il baratro ma non lo fermiamo e non lo cambiamo perche’ non sappiano su quale altro treno salire…

10
Lug
08

Lodo Alfano

E’ notizia di oggi: il parlamento ha approvato il cosiddetto lodo Alfano.

Immagino che adesso tutti i cittadini italiani tirino un sospiro di sollievo, ah! finalmente qualcosa di concreto per migliorare la vita di tutti noi!

Se ne sentiva proprio la necessità, non siete d’accordo?

Chissà quanti di noi hanno passato notti insonni tormentandosi e rodendosi il fegato al solo pensare che una magistratura maligna e malintenzionata tenesse costantemente sotto scacco le “quattro più alte cariche dello Stato” (mica pizza e fichi) con il ricatto di una possibile messa sotto inchiesta in qualsiasi momento? Sono pensieri da far perdere non soltanto il sonno ma persino il lume della ragione!

Calmi, calmi, so già che i più maliziosi tra di voi stanno già argomentando che solo pochi anni orsono è stato indetto un referendum per l’abolizione dell’immunità parlamentare e che da quel referendum in realtà la volontà del popolo è chiaramente emersa, ma… signori mica vorremo ancora stare qui a raccontarci la storiella del popolo sovrano?!

Il “popolo”, signori miei, è una massa informe (e pure un po’ schifosetta) di carne ed umori, di urla e di sudore, di lavoro (oh questa poi!) e fatica, di corse affannate per andare a prendere i figli a scuola (… ma non ci sono le governanti per questo?) o per arrivare in orario in ufficio, di preoccupazioni per pagare la rata del mutuo o per mettersi in pari con le bollette arretrate, di bambini piagnucolanti e mocciosi che non trovano posto all’asilo, di nonni vecchi e rincoglioniti che rimangono soli a casa a soffrire il caldo e la solitudine (non si capisce perchè si ostinino a non voler andare nei centri commerciali?!), di padri che fanno un’ora di straordinario in più per poter comprare le scarpe al bambino più grande (il più piccolo le erediterà a suo tempo) e di madri che non si possono permettere di andare dal parrucchiere…

Signori miei, andiamo! Come fa questa “cosa” ad essere un sovrano?!

Il sovrano è, per definizione, prima di tutto un aristocratico. Non ha bisogno di preoccuparsi dei bisogni primari. Il cibo, i vestiti, la casa, la salute, il benessere della famiglia (e degli amici, cribbio!); tutte queste cose sono date, anzi di più, scontate direi. Altrimenti come si può avere il tempo e la concentrazione per poter governare?

Questo amici credo che ormai tutti voi lo condividiate ed è proprio per questo che siamo felici, di più, esultanti per l’approvazione di questa nuova legge. Ché, se il sovrano ha deciso che era necessaria, di sicuro lo era. Per certo questa era la priorità numero uno del nostro Bel Paese! Pertanto amici: gioiamo! Festeggiamo assieme al Sovrano l’approvazione di questa grande legge! Hurrà! Hurrà! Hurrà per il Sovrano!